LA PASSIONE DI CRISTO IN UN’ANTICA NENIA SALENTINA

La trascrizione di un'antica nenia salentina

Chiesa di Santa Chiara a Lecce

La trascrizione di un’antica nenia salentina tramandata a voce nei decenni. La celebrazione della passione di Cristo in uno dei dialetti salentini.

 

“Rretu la porta te Santa Chiara nc’era Cristu cu li Giudei,

ca ni tianu bacchettate,

ca ni tianu scurisciate

e lu sangu ni scurria,

intra a lu calice se nde scia.

Passau na colomba bianca,

cce porti intru dhra lampa?

Ieu portu oliu santu

Padre, Fighiu e Spiritu Santu.”

 

La Settimana Santa era molto sentita nei paesi del Salento. Processioni si tenevano a tutte le ore del giorno, in giro per il paese e per la campagna intorno. I toni erano cupi e strazianti nel celebrare il dolore immane, che nell’immaginario collettivo assumeva le sembianze di una rappresentazione sacra di medievale memoria.

Commenta per primo

Commenta!